Barabino & Partners al Convegno ANRA 2019: fake news e comunicazione di crisi

 

La scorsa settimana si è tenuto l’annuale Convegno ANRA, ovvero l’associazione nazionale dei risk manager. Barabino & Partners è stata invitata a prendere parte a una tavola rotonda con focus su “La comunicazione corporate nell’era delle fake-news”, in qualità di società di consulenza con un posizionamento distintivo nel segmento della comunicazione di crisi.   

Diversi i temi emersi durante la discussione, che ha visto tra i protagonisti anche il fondatore di Bufale.net, Claudio Michelizza, ideatore di un servizio permanente per smentire le fake-news.

Il nostro intervento si è basato su alcuni punti chiave. La diffusione di fake-news è diventata uno degli scenari di crisi su cui un’azienda è bene che sia preparata. Si inserisce, infatti, con forza all’interno dello studio preventivo dei “risk scenario”, insieme a eventi come “incidenti”, “contaminazione di prodotti” o “disastri naturali”.

Inoltre, nell’era dei social media, è molto difficile (se non impossibile) per un’azienda controllare al 100% la comunicazione, soprattutto quando ogni individuo è diventato un vero e proprio “media” con una ben precisa audience di riferimento. Tuttavia – ed è qui che intervengono gli esperti in Relazioni Pubbliche – è possibile gestire la disinformazione, attraverso un monitoraggio attento dei media (e la conoscenza delle dinamiche dell’informazione) e una strategia di intervento che miri a raccontare la posizione dell’azienda in modo chiaro o a smentire gli elementi che non trovano riscontro nella realtà con approccio multi-canale.

In questo contesto, il valore delle redazioni e l’importanza del giornalismo possono tornare a essere un elemento cruciale. Il proliferare incontrollato – attraverso i social – di notizie false, che si diffondono grazie al “potere” di influencing di un determinato utente – sempre meno frutto di autorevolezza e sempre più legato alla dimensione dell’audience – può riportare la gente verso porti più sicuri, verso luoghi dove si è certi di leggere qualcosa che trova riscontro nella realtà. I media, appunto. Le redazioni si prendono la responsabilità di quello che scrivono e il buon giornalismo verifica sempre i fatti prima di riportarli.      


categorie: