FELTRINELLI

Jobless Society Forum: fine del lavoro sogno o incubo?

 

Di fine del lavoro si parla da tempo. Alcune teorie abbracciano l’idea con esultanza, altre la leggono con la prospettiva allarmistica di uno scenario catastrofico, simile a quelli disegnati da una certa cinematografia americana. E se in questi film arrivano gli alieni, qui arrivano loro: le macchine. A volte cancellano, sostituendoli, i nostri posti di lavoro; altre volte li fanno evolvere, e addirittura ne creano di nuovi, come dimostra la sharing economy.

Proprio ai temi del lavoro e della rivoluzione tecnologica, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, in collaborazione con Comune di Milano, ha dato vita giovedì 21 aprile al primo Jobless Society Forum, momento di confronto internazionale tenutosi in una delle location milanesi più rappresentative dello scenario sociale post-industriale: @BASE Milano.

Qui, tra arte contemporanea, travi di cemento e laboratori di pensiero all’insegna del coworking, si sono incontrate le riflessioni e le voci di tre mondi diversi: ricerca accademica, stakeholders e rappresentanti della sfera politica. 

Quello che è emerso è stato un vero e proprio Decalogo della Jobless Society: dieci raccomandazioni, rivolte alle Istituzioni politiche, da mettere in atto rispetto alle tematiche più urgenti relative all’impatto della quarta rivoluzione industriale sul mondo del lavoro.

Qui la tecnologia è stata protagonista anche in un altro senso: i partecipanti al forum hanno condiviso con la rete idee, pensieri, domande e risposte, portando l’#joblesssocietyforum ad essere trending topic su twitter.


categorie: